22 gen 2009

RACERS




Alessandra raging hard on a 1098 RedRabbit team corse courtesy A.G.


Alessandra on high side ducati 999s, Italian Fem. Championship



Alessandra and Federico , Roadster Cup 1000


an intense image of Alessandra checking before track, Roadster Cup 1000. Bimota DB6 Delirio "Azzurro"







Name : Alessandra


Code name : " RedRabbit"


Special marks : fast, too fast...


target : you stop that damn' rabbitt ..!!


Mission : impossible ...


Good girls go to heaven, bad girls go to race




You all know how much deeper i need to go into the emotional , talking about persons linked to the bikes right here right now in reparto corse, and that's whatta happens now with a special friend of mine, Alessandra (Gambardella) , a very not conventional girl, ----and i can see it in her own shots---- who runs with the number 6, the number i love, personally, and such as girl as well, from ever in my life .Since she was a bit more than a teenager, the strenght of a dream started to live deep inside,mixed up with people such as Lucchinelli, Mario Lega, and other heroes like that incredible stuff... and that dream is still alive now after a decade of victories, races, love for the two wheels, and i can see it from her shining eyes, and her sunny face and smile... neverchange...She 's been keepin on dreaming hard cutting her lazy town with a scooter, working as a pony express , and i cannot bite back listening to the funny stories lived in her world made of two wheels when she was an absolute beginner. I just can imagine very well from what she says , the thrill of that first time at the Tosa, Imola circuit, where she bit the tar with her knee, on her favourite playground, the track! ... and over and over again...on a Ducati 749s, the romance of love story of her life with Moreno, a winner, a rider, in Italy and all over the world in his category, i can feel so much the emotions to ride a Ducati 999s with a new life discovered just a little while before, deeply inside, same place( Imola Circuit ), same time ( a racetest session), a life that now is called Federico, and a Passion that now has become a race team , Red Rabbit Team, and the races since 2004, the victories, the bike number 6, the Cups, the angry bikes. All the rest is pure recent story, i can catch a glimpse of it from her fancy glance, i see her smile for the last time, she is talkin about her baby to me now...she's so special...are you gonna go her way? There's no one thing left to me than reflect on what she told me..and to wonder about that...


see you Alessandra goodbye.



--------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------



...Ho sempre avuto un grosso debole per le ragazze poco convenzionali, e sicuramente Alessandra non sfugge a questa considerazione, per vari motivi... tra cui il suo numero di gara che è proprio il numero 6.

A me piace quando reparto corse si addentra nelle questioni piu' emotive legate all'andare su due ruote, e soprattutto anche grazie alle immagini che Alessandra mi ha mandato per descrivermi la sua passione, che in parte io gia' conoscevo, che cio' accade. In fondo , è proprio la sua passione e i suoi sforzi che hanno portato il suo team a essere cosi competitivo e a vincere , con lei e con altre protagoniste al femminile cui sicuramente vorrei fare omaggio, e ce ne sono tante direi. I sogni della mia amica Alessandra nascono gia' tanti anni fa quando era appena adolescente, e diversamente dalle sue coetanee, la sua visione del mondo passava attraverso quelle splendide immagini di Lucchinelli, oppure altri epici eroi come Schwantz e addirittura Mario Lega, poco noto al grande pubblico, ma ben presente ancora mentre me ne parla , nei suoi occhi di ragazza che non sono mai cambiati, come il suo sorriso splendido e solare.


Il suo sogno dunque inizia sulle piccole ruote di uno scooter facendo il pony express ( nome in codice : Leone), ma dentro di lei batte qualcosa di diverso e prepotente, che cresce giorno dopo giorno, cosi forte da renderla sicura che un giorno tutto cio' si realizzera'. Non riesco a non ridere quando mi racconta degli aneddoti legati al suo mondo a due ruote, non riesco a non immaginare quell'ebbrezza delle sue prime prove su una Ducati 749 s, e poi sempre piu' veloce, sempre piu'...quella curva a Imola, la Tosa, dove per la prima volta ha capito davvero di che colore era l'asfalto osservandolo a pochi centimetri , la prima volta col ginocchio che sfregava sul suo tavolo da gioco preferito...la pista. Poi l'incontro con Moreno Antonioli, pluripremiato pilota dalla esperienza lunghissima e vittoriosa in vari campionati italiani, mondiali e olimpici...l'incontro perfetto.

Sembra che Imola sia legata a questa ragazza piu' di quanto lei stessa voglia ammettere, perche' è proprio li nel 2003 mentre era in una sessione di prove che sente qualcosa di particolare..un flash improvviso, una sensazione...poi la conferma arrivera' piu' tardi... la conferma che c'è una vita in lei, una vita che oggi si chiama Federico ---- nato il giorno 6, numero che poi la ha accompagnata sempre nelle sue gare ----e che allora invece ondeggiava tra le curve insieme ad Alessandra in sella alla sua 999s ...che emozione vero... un po' posso comprenderti, anche mio figlio è venuto in moto con me e mia moglie quando era nella sua pancia.. Il resto è storia recente, la fondazione del loro team RedRabbit, le corse vissute in prima persona dal 2004, la passione che diventa piu' concreta, le sue vittorie, le vittorie degli altri piloti, tutto prende forma da quello sguardo sognante di una ragazza come tante altre, solo che lei in mente aveva la velocita'. Una ragazza che corre e vince , soprattutto concorrendo con gli uomini, cosa che sembrerebbe piu' dura per una donna, ma non per lei. Mi descrive come fa a concentrarsi prima di una gara, prima di entrare in pista, mi parla del suo bambino, e le si illumina il viso, gli occhi si accendono, appare il suo splendido sorriso...lei è cosi. Ci lasciamo cosi, mentre penso ancora alle sue parole, alla sua forza di sostenere quella passione ... e rifletto........


ciao Alessandra e grazie









coming next...


genetical mutation of sixth degree: the skizophrenia of Fra', Sauro, Omar, Dany, and other very rare collection bikes shots and tastes...



see ya and thankyou to all of you for your tribute to discovery of different forms of personal passion on two wheels ( and more )..