2 gen 2009


Yesterday is gone


As you know, reparto corse is really into special people running very fast with their soul on two wheels, and this is simply what I did a couple of days ago and now I write down here…
Marc Poels is a Ducatista attached not so long ago on a little blog , and on the other hand I have really observed it day bay day getting to be full of special people …
I am a last minute ducatista( or last world championship won, if you prefer) , I got a beautiful 1098, really advanced in its technical contents, but it was rumoured ( and it’s not the only one black sheep in the house) since the beginning about some technical defaults. I would define it a race machine ( as said by staff and insiders), a beautiful sportsbike .
Anyway, my will to goto the core of the deepest thoughts of many and many ducatisti, set me free to ask for them to a man who is really in love with this kind of ducatis over the top; a journalist ( he’s active on bikes journals and magazines over Europe), but especially, he’s a fine parson, a sort of minister of Ducati ‘s tradition on the road( see Desmodrome on DSB site), and I think that’s a missing “character” in the official universe Ducati to wish. A universe begun from basics and pure approaches to build stock and speed bikes .
Marc Poels at the moment plays the role of President of Ducati South Belgium, and he’s owner of several Ducatis. The “Elite” in the picture above is still perfectly alive in his garage.
The picture shown above is not from a movie of the “ Nouvelle Vague”, it’s just a boy in black leather, with a rebel expression painted on his face, a genuine vivid image of the spirit I was looking for, dead and buried by the vain attempt to put style and marketing at the first place in people’s mind on the road , actually.
Let’s see what is the result of the small talk with Marc, maybe not everybody knows that yesterday is gone away…


-1)

A.o.C-- Marc, you have been involved for a long time in the southbelgium ducati club activity; can you tell me how much important has been over the several years, the support of the" mother ship" to your club? Could we imagine the existence of a pointbreak in the history of ducati as the main reason of a radical change in the relations between ducati and your club, and extended, for your opinion, from ducati outward, among clubs out of italy ( belgium, france, netherlands)?

M.P.--We all in the Club are still waiting for a sign of life from CasaMadre in our activities so far ; I took the chance to keep in touch with Italian clubs members at Valencia WPM in October, and moreover we are linked so well with the management of ducati N.E. importer. My personal opinion is that I am not so sure anymore to consider this kinda evolution as it ought to be.

-2)
A.o.C.--We all fond, have followed in this recent past, the news from ducati in terms of bikes,and i have found a substantial heterogeneity between comments among people, sometimes taking the shape of a knock, and at the opposite, a constant review from testers and operators, taking the shape of a sort of press attendance to ducati, a sort of information office, but it might be a phalse impression, of course. What is your opinion about this phenomenon , about this even chance from the top managers and marketing responsibles? is it the 1st time in your decades experience?

M.P.--Well...global communication is among the living more than in the recent past, and ducati is trying to smack with it. Journalists really…look to be so scanty because don’t analyse but settle for crib the official press from the House ; and the House get its leg up… And what’s more, they take a bow when the official greetings on track are so good …I don’t tolerate this way to be, but I just intend to keep on writing and telling all the things I want, if you so like..



-3)
A.o.C.-- i've heard about a word that is insinuating, is worming the way of a lot of ducatisti: desmoresistencia. Can you tell me the"date of birth" of this word, and what was the last straw that let begin this mood from the inside out of a long time ducati's owners and experts like you and others ? M.P.--Desmoresistencia is a word made in Madrid by a friend of mine , Pepo Rosell( Radical Ducati a.e.) .
I look up to this person , really. I was between him and a Spanish friend of mine into Mototrans and Ducati as well, the first time, then, I’ve attended Pepo’s for a report in Madrid, so I must confess I ‘ve learned to understand his way and work later on. Listen…I think Ducati should have known better Pepo’s philosophy to draw heavily on from it pretty well, pretty the contrary.

-4)
A.o.C.--starting from the cucciolo till the desmosedici, what's your favourite bike, and what bike perform at the best the role of a true ducati in the world? doesn't exist anymore a bike like that?

M.P.--The 1974’s 750 SS, no doubts! Unmatched in the world.


-5)
A.o.C-- can you tell me about the lack points from one side, and the main value of the present management from the other side, here in Borgo Panigale?

M.P.--The weak point? Marketing , and the rest doesn’t really matter.
The strong point? Marketing! Should it play for more cash…why not?


-6)
A.o.C.--a last question for you marc, and thanks a lot:
… 1098, 696, ypermotard,streetfighter, and stradaaperta still to come: can you see a fil rouge in this line of production? and what is it exactly ? M.P.--Bullshit! The fil rouge is that ! selling their products means to win , but I think honestly, they are putting all the eggs in one single basket for the long time to come!

Anthony of Coasts

--------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------


Yesterday is gone


Come sapete reparto corse si occupa di storie di persone speciali che hanno le 2 ruote veloci nell'anima, e questo è cio' che ho voluto fare oggi.

Marc Poels è un Ducatista che ho avuto modo di conoscere tempo fa tramite un piccolo blog , che ho invece avuto modo di capire come fosse ricco di gente appunto speciale. Io sono quello che puo' essere definito un ducatista dell'ultimo mondiale( o minuto se preferite), posseggo una 1098 stupenda dai contenuti tecnici molto evoluti, una moto molto discussa che io definirei , parafrasando il pensiero della persona presso cui è in cura dal punto di vista meccanico a scopi pistaioli, ” da corsa” ; pero' andando dentro il particolare, ho potuto approfondire il pensiero di molti e molti ducatisti e cosi ho voluto interpellare non solo un amatore e appassionato di una delle piu' grandi case motociclistiche mondiali, ma anche un giornalista( infatti scrive per riviste del settore italiane e d'oltralpe), ma soprattutto un cultore preciso e affezionato alla tradizione delle moto di Borgo Panigale(basti vedere Desmodrome sul sito SDB per farsi una idea) , una figura che sicuramente manca in una grande Azienda come Ducati, appunto che affonda le sue radici nel modo di fare moto molto tecniche e corsaiole, radicali.

Marc Poels inoltre è attualmente Presidente del Club Ducati SudBelgio, nonche' possessore di un cospicuo numero di moto "Rosse". Pensate che la Elite che si puo' vedere in quella istantanea di vita è ancora brillantemente presente nel suo garage..

Nella immagine che mi ha gentilmente concesso, forse è racchiuso un po' il suo spirito, per me è uno scatto splendido, degno di un film della Nouvelle Vague alla Truffaut o Godard, per intenderci, e quel ragazzo con il giubbotto di pelle nera e il broncio ribelle di strada ne ha fatta molta con le sue Ducati...forse una immagine che non è piu' possibile vedere sulle strade di oggi, quello spirito genuino e vero, quella essenzialita' che oramai ha fatto spazio sempre piu' a voglia di griffe, esercizi di stile, marketing e altre vanita' che poco hanno a che fare col mondo a 2 ruote, a mio modesto parere. Per cui come "curioso" e appassionato di moto Ducati, ho voluto chiedere a Marc il suo pensiero su alcune impressioni generali,un semplice parlare del piu' e del meno circa la nostra condivisa passione rossa ....
Ps… ho volutamente lasciato le sue espressioni in francese per correttezza eventuale verso gente francofona, e perche’ poi è bello comunque perche’ è la sua lingua…


1 )
A. o. C. --Marc da tanto tempo sei coinvolto nella attivita’ del ducati club sudbelgio. Mi puoi dire quanto è stato importante nel corso degli anni il supporto della casa madre al vostro club, appunto? È presumibile ipotizzare l’esistenza di un punto di svolta nella storia ducati come motivo principale di un cambio radicale nelle relazioni tra voi e e ducati, e per esteso, tra ducati e altri clubs all’estero?

M.P.-- Notre club n'a jamais reçu jusqu'à présent aucune aide de la Casa Madre, mais je suis allé au WPM à Valence en octobre où j'ai eu l'occasion de discuter avec les Italiens en charge des clubs et nous avons actuellement des contacts avec les reponsables de l'importateur DNE. Je ne suis cependant pas sûr que l'évolution aille dans le sens que je souhaiterais personnellement...

Il nostro club fin’ora non ha mai ricevuto nessun attenzione dalla casa madre, ma io sono andato al WPM di Valencia ad ottobre dove ho avuto occasione di discutere con molti membri di club italiani . Attualmente noi abbiamo contatti con i responsabili dell’importatore ducati N.E. Tuttavia io non sono proprio cosi sicuro che questa strada vada nel senso che io personalmente vorrei.

2)
A.o.C. -- Tutti noi appassionati abbiamo seguito con molto interesse le ultime uscite di ducati in termini di moto. Io ho notato con grossa evidenza oggettiva una grossa discrepanza tra i pareri della gente, tutti critici fino ad assumere i connotati di un duro colpo d’immagine, e all’opposto una costante analisi di carattere molto positivo da parte di giornalisti e tester , che a volte mi è parsa addirittura come fosse una semplice emanazione della casamadre stessa. Quale è la tua opinione su questo strano fenomeno ,e su questa reazione della gente comune , peraltro inattesa da parte dei responsabili marketing ? è la prima volta che ti capita una cosa del genere nella tua esperienza decennale?
M.P.-- Je pense que nous sommes à l'ère de la communication et que Ducati l'a bien compris. Beaucoup de journalistes sont peu critiques et se contentent de recopier les communiqués de presse qu'on leur a fournis sans trop se poser de questions... Et quand ils sont bien reçus pour des essais, ils se montrent (trop) reconnaissants. Personnellement je ne supporte pas ce genre d'attitude et j'entends continuer à pouvoir dire et écrire ce qu'il me plaît.

Il fatto è che noi siamo nell’era della comunicazione e questo Ducati lo ha capito fin troppo bene. Vedi, molti giornalisti sono poco critici e si accontentano di ricopiare i comunicati stampa che la casa fornisce senza farsi troppo domande. E inoltre quando sono cosi ben accolti per le loro uscite, si dimostrano fin troppo riconoscenti. Personalmente non tollero questo modo di fare e intendo continuare a scrivere e dire cio’ che piu’ mi aggrada.

3)
A.o.C.-- Ho sentito a piu’ riprese un termine che si sta insinuando, si sta facendo strada sempre piu’ nell’immaginario dei ducatisti: desmoresistencia. Quando è nata esattamnente questa parola, e ancora, mi puoi dire quale è stata la goccia che ha fatto trabboccare il vaso lasciando che questo stato d’animo sgradevole, cupo, ( resistenza) venisse fuori da ducatisti di lungo corso e esperti come te, ed altri?
M.P.-- La "Desmo-Resistencia" a été inventée par mon ami madrilène Pepo Rosell à qui je voue une sincère admiration. Je l'ai connu par un ami espagnol passionné de Mototrans et de Ducati et je suis allé faire un reportage chez lui à Madrid où j'ai appris à le connaître. Depuis, je l'ai rencontré à plusieurs reprises et je partage sa philosophie dont Ducati aurait bien fait de s'inspirer au lieu de le rejeter.

La parola “desmoresistencia “ è stata inventata da un mio amico di Madrid che si chiama Pepo Rosell,(Radical Ducati ndr) verso cui nutro sincera ammirazione. Lo ho conosciuto tramite un mio amico spagnolo appassionato di Mototrans e di Ducati, e sono andato da lui poi a fare un reportage a Madrid, dove ho imparato davvero a comprendere il suo pensiero. Poi lo ho incontrato piu’ volte in seguito; guarda ... io penso che Ducati avrebbe fatto meglio ad ispirarsi alla sua filosofia piuttosto che a disprezzarla.

4)
A.o.C. -- Dal cucciolo alla desmosedici: quale rimane la tua ducati preferita e quale secondo te incarna appieno il ruolo di vera ducati nell’immaginario collettivo? Esiste ancora una moto come questa?

M.P.--Pour moi sans aucun doute la 750SS de 1974, inégalée dans le monde!

Assolutamente la 750 ss del 1974, secondo me senza pari nel mondo!!

5)
A.o.C. --…i punti deboli e i pregi del management ducati attuale?

M.P.--Le point faible : tout pour le marketing, le reste n'est que du vent... La point fort : si financièrement ça marche, pourquoi pas?

Il punto debole? Conta solo il marketing, il resto non interessa assolutamente. Il punto forte: se funziona dal punto di vista economico... perche’ no?


6)
A.o.C. -- Un ‘ultima domanda: 1098, 696, yper, streetfighter, e stradaperta in prossima uscita. Ci vedi una linea di continuita’ in questa attuale produzione ? se si quale è?

M.P.--Bullshit ;-)) Le fil rouge est que si ça se vend, ils auront gagné, mais je ne parierais pas une grosse somme sur le long terme...

Fanno schifo… ecco il filo rosso ! se si vende il prodotto allora avranno vinto, ma io sinceramente non mi sento di scommettere grosse somme su di loro a lungo termine..
------------------------------------------------------------------------------------
Non mi resta che ringraziare sentitamente Marc Poels e magari fare uno squillo a Madrid per vedere meglio come butta...oppure in qualche scuderia superbike...
photo by marc poels