22 feb 2009

trials of its trasmission


heart's filthy lessons, d. bowie 1995





Les mutations génétiques de la sixième classe...
Genetical mutations of 6th degree...
Las mutaciones genéticas de la sexta clase...
Mutações genéticas da sexta classe...


rad 02 montjuich monoswing


rad 02 endurance trellis monoswing (monster)



rad 02 corsa 999/ 749 doubleswing







ultimate 2008/2009 rad 02 trellis frame alloy double swingarm






photos courtesy Pepo Rosell
year 2309... vocal contests on colonies in earth orbit among cyborg reprogrammed, 1st prize : sudden happy death kit for two people. have a good travel to god, the big Eye sets the controls for the heart of the soul...will be a perfect day...

One time more, Pepo's and RepartoCorse's roads cross again, to let those beautiful images live: we are talkin about the 749/999 derived Rad 02 by Pepo Rosell from Radical Ducati Madrid, a must. Here's a tubular alloy frame replacing the 999 swingarm on Rad 02 Corsa, a beautiful approach without any gap between the same frame alloy on the bike and the swingarm. Out of ordinary the tail design, that rises in a way that makes me fool. Antislippery NCR clutch, Kservice mono, Spark exhausts, a oblique spy window on tank remembering old endurance times do the rest, and the body...so sensual to me...

A.o.C. -- Pepo can you tell me why to replace the 999 one with the tubular swing on your ultimate Rad 02? Wasn't it perhaps the state of the art on this kinda machines? P.R. -- Yes of course, naturally, but this choice gives to me more rigidness. You must know into the squared swing of motogp as well, sections are rounded tubular but hidden at sight. A.o.C. -- Pepo, what do you mean with Desmoresistencia? P.R. -- Anthony, this terms means to me two things...: endurance races first, and second, this is really a state of mind, a attitude to reject the actual phylosophy of Ducati; i do not appreciate at all new models, they aren't seducing, " nasty ", they are just a part of a hard line consumerism japonized to which we are enslaved. Those machines are really advanced in technique, superb, but poor in design...for example, the yhpermotard has arrived second on the market behind KTM, the 1098 is a collage which is born to please all customers in general to fill holes created by 999 failure, the monster 696 is pretty but similar to a mishmash of japanese bikes such as the MT 03 itself, the Streetfighter is a Kawasaki Z 1000 Mv Agusta tailored on the back. Ducati ain't no more the eighth wonder like before, and that's the reason why i am so sad looking at this new style after 25 years, made of ladies essence perfumery, exciting wine, Ducati people, standing down in my Desmoresistencia. A.o.C --Why did you choose a mono swingarm for your specials? P.R. -- cause it's so special to me, it's beautiful ( friends of comitate " save the double arm" will be happy at last) and it's so easy in rear wheel replacement. Whether i wanted more weight more less, i'd prefer the double; lighter, beauty and feature at the same floor. A.o.C. -- what does it mean for average customers like i use to be, looking back at a retro style all the same in time, pretty rather than to give a eye to the design changing through the decades identifying them so well, the 80's, 90's, 2000's... P.R. -- It means a crisis of ideas... milestone such as 916 ain't here anymore, and before that the Paso to give you an idea. Designers are stuck and go in the same direction, no right no left no ahead. The Tamburini F4 itself wasn't new at that time. I personally love the ultimate Yamaha R6, or the amazing prototype by Galluzzi for Aprilia exposed in Milan two years ago, simply superb, or the MT 03 at last. Starting from 90's there ain't a typical style so was born the aim to get back to the 60's or 70's to get people excited. This is the time for powerful weapons on two wheels but without heart, design, passion, and that's in conflict with my idea of savage passion inside my heart. A.o.C. -- You prepare frames by youself for your Rads or are they made by others following your personal specifications? P.R. -- ...They are hand made by italian specialists. Alloy frame by DM Telai, and the swingarm tubular alloy by Giuliano, in Italy as well following our technical specifications...

Our drink now is over with Pepo, coming back to his works to Madrid, maybe one day should RepartoCorse improve itself, i am just dreaming of a 8 valves powered Rad in my box...
For whom it may concern my idea, i just think to stay on the same line but since we'll have races, we'll find on roads superbikes performance to achieve by the different Houses; personally, i think that savage could be in a frigthful 1098 as well, interrupted in its line cybercomputerized, and the term japonization is just a redline created by market for all of them who believe in this...
It's definetely true! bikes performances are too much for our roads, but retro style is epic, ain't no more the Troy Bayliss style on his 1098?
Pepo, i hope to see you creating a special from a R6 or a CBR... blasphemy, heresy or challenge...i go for the third option...ciao.
-------------------------------------------------------------------------------------------------




Ancora una volta le strade di RepartoCorse n. 6 e Pepo Rosell si incrociano per dare vita alle splendide immagini inviatemi, soprattutto le ultimissime della Ducati RAd 02 di derivazione 749 che ho il grosso piacere di pubblicare, data la loro bellezza. Su questa creazione Pepo ha abbandonato il forcellone scatolato nero di derivazione 999/749 presente sulla Rad 02 corsa, per utilizzare un forcellone multitubulare in alluminio che permette cosi , a mio avviso, di conservare la continuita' visuale con l'analogo telaio in alluminio della moto. La pulizia del codone è straordinaria, cosi come si nota la spiccata tendenza dello stesso verso l'alto, dettaglio che mi fa letteralmente impazzire. Altri dettagli come la frizione antisaltellamento NCR , il tromboncino Spark, il mono Kservice, l'attuatore EVR e una striscia sul serbatoio, --- che ovviamente richiama a vecchi stilemi da corsa di durata,--- fanno il resto. Le linee parlano ovviamente da sole. . .

A.o.C. -- Pepo perche' la scelta di sostituire l'efficace forcellone precedente con questo tubulare? Lo scatolato non è forse lo stato dell'arte per questo pezzo della macchina?
P.R. -- ..beh questo offre miglior rigidita', tu mi chiedi perche' ho preferito questo e non lo scatolato, ti rispondo che anche in molte motogp, dentro lo scatolato si trovano sezioni tonde, ecco il perche' della scelta. E' migliore.
A.o.C. -- Pepo, cosa intendi tu per Desmoresistencia? per me il concetto è ancora fosco...
P.R. -- Anthony, il termine ha due connotazioni, la prima è le gare di durata cui noi ci rivolgiamo, l'altra invece è una " Attitudine", la nostra ribellione nei confronti della filosofia attuale Ducati. A me non piacciono gli attuali modelli, non sono attraenti, ne' cattivi, ma sposano la filosofia del consumismo alla giapponese. Tecnicamente sono l' avanguardia, superbi , ma non mi dicono niente come design...l'yhpermotard è bella ma è arrivata dopo la KTM, la 1098 è stata creata per piacere ad un cliente in modo generico, è un collage dopo la crisi creata dalla 999, la monster 696 mi piace ma è un mix di diverse giapponesi tipo la MT 03, e la streetfighter è una Z 1000 Kawasaki col codone della brutale mv agusta; in Ducati hanno perso la capacita' di meravigliare il mondo, e inoltre c'è la questione " Ducati people" il vino, il profumo, questa tendenza del marketing che non mi piace, questo essere o con " Lei" o contro di lei che mi turba. Dopo 25 anni sono molto deluso da questo new style, ecco perche' sono Desmoresistente.
A.o.C. -- Perche' su alcune tue special hai messo un forcellone monobraccio tubulare?
P.R. -- Perche' è stupendo ( gli amici del comitato bibraccio nel mondo saranno felici n.d.r) e nelle gare di durata è piu' facile disassemblare la ruota e cambiarla, è un sistema molto pratico. Se il target è solo il risparmio di peso allora si va sul bibraccio, come sulla ultima special fatta, utilita' e bellezza.
A.o.C. -- Per un utente medio come me, potresti spiegare perche' le moto dovrebbero avere lo stesso stile retro' intatto nel tempo e non avere invece come ora , uno stile che identifica una decade? anni 80, 90, 2000, per esempio?
P.R. -- Precisamente per una crisi di design, tutto il mondo fa una modifica o interpretazione di un modello gia esitente, nessuno fa niente di nuovo. Non esiste un design che fa un salto qualitativo in avanti , diverso da tutti gli altri, e dopo che questo design piace, rimane nel tempo come un capolavoro . L’ultimo riferimento è stata la 916, come 5 anni prima la PASO . Dopo, anche Tamburini non ha portato niente di nuovo con la MV F4 . Personalmente le ultimi disegni che mi hanno ispirato qualche cosa sono la nuova R6 Yamaha, la MT 03 e il prototipo di Galluzzi per Aprilia presentato a Milano due anni fa (semplicemente superbo). Dal 90 in poi non si puo' dire ci sia uno stile che identifica quegli anni. E per questo che si ritorna alle interpretazioni di vecchi style ,anni 60 e 70, perche' erano moto emozionanti … questo è il tempo delle moto da consumo, con prestazioni allucinanti ma senza cuore e design, e cio' non rientra nei miei canoni di moto passionale e "selvaggia" ma con una tecnica attuale.
A.o.C -- Il bellissimo telaio multitubulare e il forcellone che mi hai mandato montati sulla Rad 02, li ha fatti una ditta in particolare seguendo le tue indicazioni o li fai tu, in genere?
P.R. -- Sia il telaio come il forcellone sono stati fabbricati da specialisti italiani . Il telaio e' uno sviluppo nostro fabbricato dalla DM Telai e il forcellone e' stato progettato e fabbricato da un "ragazzo" italiano, Giuliano, sulla base nostre idee.

...La nostra chiacchierata con un buon drink finisce cosi, salutando Pepo...chissa '... se e quando il RepartoCorse n. 6 dovesse allargarsi, un salto a Madrid per una sua special a 8 valvole non sia solo un idea ma una possibile realta'...per cio' che possa interessare , la mia opinione sulle sue idee sono di massimo rispetto, anche se alcuni aspetti non sono condivisi...finche ' ci saranno le gare e le corse, esistera' sempre una rincorsa delle case a moto prestazionali e tecnicamente cattive, e personalmente non credo che uno style retro' possa essere piu' selvaggio di una 1098 squadrata e spezzata, e la cosiddetta giapponesizzazione sia solo un dualismo creato ad arte per creare un mercato. E' vero che queste prestazioni allucinanti sono troppo eccessive per le nostre strade... Lo style retro' richiama ad epiche sfide, ma a me una 1098 richiama comunque a un certo Troy Bayliss... cosa c'è di poco epico in lui?..nella sua macchina da gara tekhnocratica... Sarebbe bello Pepo vederti all'opera su una R6 o una CBR, bella sfida... o eresia? ciao...