01 gen 2010

THIS IS YOUR FUCKIN GENERATION


Un anno è gia' passato, e quasi un anno fa nasceva Reparto Corse n. 6, per gioco sicuramente, per divertimento, per incrociare persone in moto, per conoscere, per curiosita'...
Tutto cio' è stata sicuramente una chance per constatare come la passione per le moto, di qualsiasi genere e razza esse siano, è diffusa e variegata come ognuno di noi in realta' è, diverso dall'altro, ma accomunato dalla fatale attrazione per la adrenalina, l'asfalto, la benzina, lo scorrere di pezzi meccanici, la liberta'...
In questi mesi ho avuto modo di conoscere motociclisti straordinari e altri un po' meno, come me d'altronde, che a volte devo accontentarmi del poco che il mio tempo mi offre per dedicarmi al sogno di essere sempre piu' veloce; ho avuto il tempo di disilludermi, di disincantarmi di fronte alla eccessiva tecnica scenica delle moto sempre piu' moderne, ho avuto la fortuna di poter assaporare per bene il maledetto sapore dell'ebbrezza di andare in circuito, e di ritirarmi addirittura dalle strade comuni per questo intero anno, di conoscere nobili moto del passato, ma che sono vive , anzi, ancora piu' vive accanto a noi se pensiamo alle filosofie pervertite dal marketing che animano le nuove creature che troviamo nei concessionari... Ma mancano ormai pochi giorni al mio ritorno in moto in strada...
Ho voluto, istintivamente, credere che chi va in moto, qualsiasi essa sia, abbia un occhio piu' attento al mondo che ci circonda, ai fatti, al vissuto, qualcosa che lo differenzi dal comune senso del quotidiano scadimento del sociale che è possibile osservare in televisione, alle radio, sui giornali, nei dibattiti di chi ci governa... Ho voluto istintivamente credere che tra motociclisti non vi siano barriere ( purtroppo ve ne sono, figlie del marketing piu' becero), ma in ogni caso ho voluto associare, e spero sia stata cosa non troppo sgradita, pensieri fluenti del mio vissuto, frasi forse cui solo il lettore puo' dare un senso che mai sara' forse uguale a quello di chi scrive, ma come diceva un mio amico..." flusso dell'inconscio", tra cui il mio modo di intendere attraverso delle immagini di donne, quel rifrangente senso di sessualita' inconscia appunto, formatasi nei miei 36 anni...almeno cio' è quello che d'istinto ho fatto, senza troppi schemi.
Il mio unico rimpianto...aver vissuto 36 anni e accorgermi che, forse, avrei dovuto viverne di piu' in sella...
In ogni caso...buona vita a tutti, nel vostro personale Reparto Corse dell'anima.... Grazie.

------------------------------------------------------------------------------------------------




A year is over, and a year ago took place on web Reparto Corse n. 6, for game, for fun, to go through the biker's world, to meet some people...
Probably I've learned that passion is so different to me such as people are, everyone into the adrenaline, the smell of the oil, roads, spinning wheels, the Freedom...
I've known extraordinary people, some less, like me probably, in the corner more than one time because i need really to rearrange my time to dream better of pure speed more and more again.
I have been scared of newest creatures technologically correct, tasted the doggone flavour of circuit, and I have even retired from the ordinary roads in this 2009, seen past bikes living around all of us, that I feel so brighter... more than i was just thinking about them.
And have become disillusioned about marketing laws in terms of motorcycles, today. So, in a few words, my white wedding with the cycles world is over.
What i mean is that I am bielieving that a biker should be sharper, closer (in a word...alive... )to the beautiful barf ejected from television, radio, politicians mouth, exc...exc...
I say...I shared my " Stream of Consciousness" dancing with myself, that uncertain sense of refraction in which stets my idea of feminine sexuality, and way of life of my pastime.
One regret: I've got a little time in my 36 so far to improve my biker's life.
Anyway...everybody have a good lifetime in the Reparto Corse of their own... and if You don't like it..I will be very sorry...Ciao!

...Ladies and Gentlemen...Mister Ben Bostrom by V.Vertveldt