20 mar 2010

ORGANISMI GENETICAMENTE IMMODIFICATI ( A RUSH OF BLOOD TO MY HEAD)

ESCAPE( from what...?)




YOU STOP


ACCELERATE


RESIST!



...GO AHEAD




In questi 3 giorni mi sono ritrovato solo soletto in quanto sono salito dalla Puglia a Brescia con un furgone a noleggio per prelevare le mie moto,( mai avrei demandato la questione a mani estranee) e trasferirle nel loro nuovo garage. Per cui, un intero w.e. dedicato a me, senza nessuno attorno. Io, me e me stesso, come ai vecchi tempi…

Mia moglie tranquilla col nuovo pancione e mio figlio che gioca placidamente tra gli ulivi come ultima scena prima di partire.

Avevo deciso di entrare in pista nuovamente solo a Vallelunga piu’ in la’ con la 1098, ma poi ho cambiato idea approfittando per provare una tuta nuova piu’ tecnica e un paio di guanti nuovi idem, oltre che per fare i classici 4 passi in pista a Franciacorta, pista che tra l’altro non digerisco molto bene se non nel curvone nuovo che mi da ottime sensazioni, e in quanto, a mio avviso, perennemente invasa da pietrisco e polveri del cantiere adiacente, cosa che non mi piace x nulla( il numero statistico di cadute in curvette innoque conforta il mio pensiero) . In pista con me, in questo giorno grigio e ventoso, qualche altro centauro, tutti o quasi super accessoriati in tutto, e attrezzati in maniera molto professionale, che provano per gare future, io con la solita V2 al seguito, compagni di giochi per sempre. Il passaggio dalla vecchia tuta alla nuova è stato molto positivo, il confort e il senso di totale avvolgimento mi piacciono molto, e anche i guanti sono quelli giusti, e in sella subito ci si ritrova come sempre, io e Lei, insieme, col suo rauco latrato che mi solletica i timpani nel casco…mentre mi accompagna senza targa, luci, e tutto il necessario e senza uno straccio di documento nei 7 kilometri che mi separano dalla mia oramai vecchia casa al circuito a Castrezzato, con in mente una serie di scuse servili da sciorinare a eventuali piedipiatti in caso di scoperta ( forse a 36 anni queste cose non dovrei farle, e mi raccomando non fate queste caxxate, n.d.r.)

Prima di entrare per i miei 2 turni una controllatina alla pressione gomme che porto giu' a 2.0 e 1.7 dato il fresco ( gomme che tristemente non entreranno mai in temperatura per tutti i turni, ma anche ai miei compari che girano senza termocoperte, come me… ) …

Uno sguardo attorno, poca gente, vedo due mille Honda di quelle ben kittate e anonime come non mai nella loro profusione di parti professionali, una Gsx 750, una Daytona 675 che arriva da lontano e io, l'unico a 2 tempi…

Ampi spazi a disposizione, mi godo i giri uno dopo l’altro, anche se 20 minuti e poi altri 20 dopo un’ora non permettono alcunche’, ma comunque noto con piacere che se l’ultima volta avevo ancora difficolta’ a percepire il circuito nella sua totalita’, questa volta è tutto piu’ armonioso, istintivamente ogni traiettoria è stata quella giusta, i cordoli presi negli apici, chiudo bene e prima e meglio, senza fatica, con piu’ naturalezza… è tutto piu’ completo…la visione di insieme del circuito c’è, c’è un senso piu’ profondo del semplice girare come le primissime volte, anche se credo di aver girato ancora poco… troppo poco.

Non spingo molto, poi alla fine cerco di stare dietro a qualcuno, ma le loro moto rotolano inesorabili e tranne una discreta resistenza in alcune curve ( il solito curvone nuovo e la curva a sinistra che la precede, che dopo un cavatappi nasce e si apre veloce) anche in rettilineo nonostante dosi abbondanti di manetta, la moto sembra fiacca in confronto e la lotta si presenta impari. Sono a gas spalancato sul rettilineo principale e a 9500 giri

( 10000 è gia fuorigiri e la moto si affloscia se ci entro) vengo umiliato da turbojet da guerra senza pieta' e io mi sento su una vecchia Fiat 500, appunto .... Comunque la V2 si comporta bene, nonostante pastiglie, freni, siano tutti di serie. Ripesco automatismi, lascio la staccata piu’ dolcemente per evitare che la moto si scomponga troppo in uscita curva, assaporo un dolce gusto di arrivare in staccata a centro curva, al mio ritmo ovvio, ma è un sapore dolce che mi fa sentire felice…

Il secondo turno arriva dopo 2 chiacchiere con un paio di persone li in giro, e prendo un po’ piu’ di confidenza con tutto, cerco 2- 3 staccate piu’ al limite per recuperare un po’ di terreno dalle inarrivabili Ultramille, ma la V2 non è la 1098, non ho freno motore, resisto un po’ al Gixxer, sfrutto bene i cordoli in uscita, anche perche’ passarci sopra mentre concedo gas alla mia compagna mi fa sentire un po’ come un vero pilota…..è lei che li chiede... ultimi giri...sul rettilineo principale mi attacco al serbatoio come fossi attaccato alla mia pornostar preferita e allungo... terza e quarta a perdifiato mentre un fotografo immortala sagome e scatta delle foto ma mai una mentre faccio un piegone in quella curva a sinistra prima del rettilineo che sembra fatta x me ...e mi distraggo un po'...arrivo lungo mi attacco a tutti i freni la moto non si ferma mai come nei film americani dove un aereo del cazzo atterra sempre lungo nei prati con 14 bombe nucleari nel cargo...finalmente mi fermo, sgaso riparto è una battaglia persa.....poi scivola un ragazzo davanti a me, la bandiera gialla che sventola… proseguo perso senza pensare a nulla...poi un'ombra sventola la bandiera a scacchi che sembra una pezza vecchia attaccata a un balcone, infine mi rilasso nella corsia dei box… sono contento, soprattutto della mia nuova suit in pelle che fa la differenza, e poi via senza fermarsi verso casa, nascosto e incollato dietro un furgone di muratori (che intuiscono complici) per evitare brutte sorprese , e poi furtivamente nel box… sgaso 2 volte fuori giri, respiro forte…levo il casco….mi guardo attorno…il cielo è ancora grigio… tutto intorno mi sembra vecchio…io sogno Vallelunga…..e i capelli biondi di mio figlio…

Perche’ non abbia messo la moto sul suddetto furgone senza sfidare la sorte benigna…questo lo scopriro’ un giorno, da grande…

--------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------


Mix 'em all together a long W.e., a 36 yo man, 3 bikes, a 1000 kilometers journey to bring' em down to Puglia from Padania ( north to south rolling), and take it easy...Me myself and I.

we ( me myself and I) planned to come back to the track later in Vallelunga on my 1098, but the temptation to taste my brand new race suit and gloves was so gorgeous in the while, so ... all c'mon now to Franciacorta small circuit for a 2 steps on my V2 before to arrange the bikes and their stuff in the turning away...

Wind, the same dust ubiquitous dust on the tarmac, and a grey sky follow me in the 7 kilometers way that separates me from the circuit...and there...a haggard group of demi professional spacebikers with their fullykitted warmachines...a couple of Honda, a Gxxer, one Daytona 675 coming from dunnowhere...and stop...and then me...with my game companion V2 500, lovers... dust ubiquitous dust even on circuit, and I don't really appreciate it.

My first round starts good with a good feeling in my spacesuit, and gloves as well, while the engine sound tickles my ears gently...but 20 minutes are too short and so I just have time to see roll over me some Ultrahonda, and even if I try to resist, the fight is against every odds, and so I must confess that comparing to these, my V2 seems to be a little bit floppy, but I love anyway its way to be so in order in every situation.

I carry on tasting the sweety sound of the 2 strokes hangin around, trying to augment my rhythm, I keep larger and larger on boundaries, like a true pilot, but it's like she's gonna take its way...!

Last rounds... Put 3 gears breathelessly acting like the best driver motogp ever, but this main straight is not so weak like your morning coffee, so I go long instead to prox inside...I stop and go, rev up and quicken, but the game is going over...just the time to see a old ragged chequered flag shaking and...then going to relax in the paddocks....

Breathe...a pair of high revolutions with my gas...I put my head outside, finally...

The sky is grey all the same, everything in my life seems to be suddenly passee'... close my eyes, dream of my son's blonde hair, of Vallelunga, this new life.....


all By A. o. C.